Brescia – Reggio, le pagelle

Grissin Bon Reggio Emilia

Aradori 7.5: i due falli pronti via ai danni del suo ex compagno senese Moss non lo limitano, anzi, lo caricano e disputa un grandissimo primo tempo dove è il più continuo. Nel secondo lascia spazio alle invenzioni di Amedeo e ritorna prepotentemente nel finale. 23 punti, 9/9 ai liberi (ed in stagione non ne ha sbagliato mezzo) per una valutazione che dice 28. Non abbiamo capito la gestione dell’ultimo pallone non avendo sentito il time out. Leader in casa sua.

Needham 4.5: dopo la miglior prestazione domenica scorsa, disputa la peggiore in biancorosso. Non azzecca una nota e infatti chiude con un -9 di valutazione. A sua parziale scusante, giusto per la cronaca, era reduce da un incidente domestico dove si è lacerato il pollice. Voltare pagina, nessun dramma.

Polonara 5.5: non è il solito Achille, fa anche un discreto primo tempo, però in difesa soffre troppo gli avversari e a gioco lungo fatica un pò più del dovuto. Ci ha abituati ai suoi enormi gesti atletici, stasera è apparso poco brillante con tanti tiri corti (0/5 dall’arco compreso quello decisivo). Spento.

James 4.5: che cosa dobbiamo dire?! L’emblema della sua partita è Landry che fa tutto il campo in palleggio, lui che viene nettamente battuto e chiede con un timido gesto della mano a Cervi di aiutare…E Marcus inchioda! Ci aspettiamo decisamente di più. Sconsolato (e sconsolante).

Della Valle 7.5: ci deve essere un forno a microonde nello spogliatoio ospiti del PalaGeorge perchè Ame parte a razzo nel primo e nel terzo periodo, ma di fatto gioca una grande gara, non solo balistica, in tutti i suoi 32 minuti sul parquet. Incubo (per Brescia).

De Nicolao 7+: finalmente lo ritroviamo, e siamo davvero contenti per lui, che ultimamente aveva faticato ad avere il ritmo giusto. E’ colui che da il là alla rimonta: in punta nella zona sporca un paio di palloni, e realizza due triple super, peccato solo che il lay up che poteva consegnarci i due punti sia oltre il ventiquattresimo secondo. The Revenant.

Strautins n.e.

Cervi 6.5: è vero che sbaglia quei due tiri liberi importantissimi, ma Ricky comunque mette insieme una partita più che sufficiente e le cifre ci vengono in aiuto, dato che chiude con 15 di valutazione e che con lui in campo avremmo vinto bene (+6). E forse quel problemino al polpaccio lo sta condizionando. Realtà.

Lesic 5: inizia bene: un rimbalzo con tap in, un roll con lay up e un bel tuffo di voglia e grinta…ma in difesa è un buco nero e dalle sue parti Burns e soci banchettano, e si leccano pure i baffi. Nel secondo tempo non dà un contributo positivo e continua a non difendere. Perso nella nebbia.

Gentile 6+: ci è piaciuto parecchio nel primo tempo perchè è stato bravo a calarsi nel match, ha fatto canestro (7 alla fine con 3/6) e si è sbattuto in difesa. Nel secondo, quando Brescia ha accelerato, ha faticato di più. Tonico.

Menetti 6: non gli imputiamo errori particolari nella conduzione della gara, se non di aver messo la zona un filo tardi, ma con i se e con i ma, siamo tutti professori. E’ lo stesso che ne ha vinte sette. Non colpevole.

 

Basket Brescia

Vitali L. 7: regista da ultimo passaggio (14)

Moore 6: fa e disfa, ma è utile

Vitali M 6.5: elettrico

Moss 7: il solito (ahinoi)

Landry 8.5: ha pulito anche il parquet e spento le luci del PalaGeorge. Eccezzziunale veramente (Cit.)

Burns 7.5: ce lo ricordavamo forte, e infatti…gran bella presa.

Berggren 5.5: impalpabile

Bushati s.v. : 3 minuti

Diana 7.5: vince meritatamente la terza consecutiva.

Pubblico di Brescia 8: rende omaggio al conterraneo Aradori (applaudito durante la presentazione), tifa incessantemente e sempre in modo corretto.