CASERTA – REGGIO EMILIA: pagellone

Quest’anno inauguriamo la stagione delle pagelle in maniera alternativa, dando un unico voto di squadra. Questo principalmente per un paio di ragioni: la prima è che sarebbero state tutte insufficienze, Gentile a parte. La seconda è che siamo stati troppo brutti per essere veri e allora tanto vale far finta di niente, come se il nostro campionato iniziasse sabato, tra le rassicuranti mura amiche del nostro fortino, nel pieno centro di…Bologna(!!??)…sigh!

Per la cronaca il suddetto voto è 5. Questo perchè era la prima giornata di un campionato che come detto deve ancora iniziare. Fossimo stati a Novembre, sarebbero venute meno molte attenuanti e non saremmo stati cosi magnanimi, perchè lo spettacolo al quale abbiamo assistito, al netto di qualche provvidenziale black out, è stato pessimo.

Alcuni elementi di criticità sono però particolarmente degni di nota:

Stranieri. Ok, non siamo più negli anni novanta o precedenti, quando alla coppia Usa o al limite slava, era richiesto di fare pentole e coperchi. Certo è che attendersi qualcosa di più dai tre forestieri è assolutamente lecito oltrechè dovuto. Dopo la Supercoppa ci attendavamo qualche segnale di risveglio che però non è arrivato. Nessun allarmismo, però coraggio ragazzi, ce la potete fare.

Leadership. Quì il campo è assolutamente minato, per questo giuro che non nominerò Kaukenas…Doh! Voglio dire, l’idea del coach di fare una squadra che sia una sorta di nazionale, la famosa cooperativa dei canestri, dove a turno si è tutti protagonisti… Tutte idee bellissime e condivisibili. Attenzione però che quando si vuole dare le responsabilità un pò a tutti, si rischia di non darle a nessuno.

Gestione offensiva. Premesso che analizzare i freddi numeri sia riduttivo e fuorviante, possiamo affermare con ragionevole certezza che 4 assist di squadra in quaranta minuti siano pochini e non diano l’idea di una squadra che giochi “insieme” e si conosca bene, a dispetto del fatto che lo zoccolo duro sia rimasto quello dell’anno passato.

La sconcertante gestione degli ultimi due possessi offensivi ci ha lasciato assolutamente perplessi. Prima il canestro letteralmente trovato da Needham, poi una palla tirata nell’iperspazio…boh.. ma l’idea qual’era? Mah…

Nulla è perduto.… e ci mancherebbe! Cerchiamo di rimanere equilibrati e razionali. Niente disfattismi. Certo, c’è molto da lavorare (come si dice in questi casi) ma la base è più che buona. Vorremmo solo vedere un pò più di cattiveria agonistica, di furore. Poi, si può anche perdere, per carità…

C’è da dire, poi, che non tutte le domeniche giocheremo contro Ragland.

Se però anche Giuri si mette a fare il Ragland…

Va beh, ma chi se ne  importa, per fortuna il campionato inizia sabato….