Eurocup: ci siamo!

Finalmente Reggio riabbraccia l’Eurocup, e dopo un anno di durissima astinenza farlo è ancora più bello. Il girone B, dove sono inseriti i biancorossi, si prospetta pieno di insidie e di club blasonati, che andiamo a presentare meglio lungo l’articolo.

Ecco a voi le nostre avversarie…

 Galatasaray Spor Kulübü Basketbol 

Scesi direttamente dall’Eurolega, i giallorossi turchi si candidano fortemente ad un ruolo da protagonista in questa competizione, anche perchè il roster in mano a coach Kunter è di livello assoluto.

Il back-court vede in regia il “bosniaco”Alex Renfroe e in guardia il folletto ex Virtus Dwight Hardy, mentre la front-line ha il capitano e tiratore letale Göksenin Köksal in ala piccola, coadiuvato da due lunghi come l’ex Pistons Dajuan Summers e Richard Hendrix.

Dalla panchina si alza niente di meno che Emir Preldžič  per dare fiato ai piccoli, mentre i cambi della front-line sono Scotty Hopson come 3 e come 4 il texano T.J. Cline; quest’ultimo si integra molto bene con il super-atletico big-man da Syracuse Rakeem Christmas.

 

Bayern München Basketball

L’arrivo in panchina di un califfo come Sasha Đorđević ha alzato l’asticella delle aspettative in casa bavarese, oltre che il livello dei giocatori in campo.

Il coach serbo ha portato infatti portato due suoi connazionali con sé, come il play Stefan Jović e l’ex Milano Milan Mačvan, che si aggiungono all’ala Vladimir Lučić.

Ultimo acquisto, ma non per importanza, è l’esplosiva guardia Jared Cunningham; giocatore di lungo corso NBA, è uno schiacciatore clamoroso e un potenziale crack a livello offensivo.

A dare una continuità tecnica al team biancorosso sono rimasti i tedeschi Danilo Barthel, Alex King e Anton Gavel, l’ex Virtus Roma Nihad Đedović, e gli USA Reggie Redding e Devin Booker.

Hapoel Jerusalem B.C.

Salutato Simone Pianigiani e, almeno come giocatore, Amar’e Stoudemire, nella capitale israeliana si sono affidati al greco Fōtīs Katsikarīs per ripartire.

Tre i volti nuovi: l’ex Pesaro e Galatasaray Austin Daye, il greco Stratos Perperoglou e il centrone sloveno Alen Omić, che vanno ad integrare il confermatissimo blocco della scorsa stagione, formato dai veterani Yotam Halperin, Lior Eliyahu e Yogev Ohayon, dalla guardia Bar Timor e dagli      USA, rispettivamente ex Pesaro, Milano e Sassari, Tarence Kinsey, Curtis Jerrels e Jerome Dyson. Chiude il roster il centro americano ma di passaporto israeliano, visto anche gli ultimi europei, Richard Howell.

Krepšinio klubas Lietkabelis

Dopo la conferma dei gemelli Lavrinovič, il team lituano ha aggiunto un altro vecchio lupo del parquet come l’ex Capo d’Orlando e VL Pesaro Simas Jasaitis per rimpolpare la pattuglia Made in Lietuva, già ben assortita e piena di veterani.

Da tenere d’occhio c’è sicuramente la guardia ex Zaragoza Adas Juškevičius, che ha chiuso l’ultima stagione in ACB con il 38% dall’arco, oltre alle due point guard USA Lorenzo Williams e Gary Talton II, quest’ultimo soffiato in estate all’Orlandina grazie ad un blitz dell’ultimo secondo.

Ma quanto andranno avanti i lituani dipenderà molto dalla condizione fisica dei due gemelloni, vere e proprie colonne portanti della squadra, sia a livello tecnico che di carisma sui 28 metri.

Košarkaški klub Budućnost Podgorica

Il team montenegrino è un mix di giovani in rampa di lancio, come le ali Milic e Ilic, le guardie Bojic e Popovic e il centro Zoran Nikolic, unito all’esperienza e alla solidità degli ex romani Gibson e Gordic, del canadese Kyle Landry  e dello zoccolo duro montenegrino, composto dai fratelli Sehovic, dall’ala-centro Filip Barovic e dal play ex AEK Atene e Capo d’Orlando Nikola Ivanovic.

In panchina a dirigere le operazioni una guida esperta come Aleksandar Dzikic, già vice in NBA con Minnesota dal 2005 al 2007, oltre che vincitore dell’edizione 2011 dell’ EuroChallenge con il KrKa Novo Mesto.