GRISSIN BON – ALMA TRIESTE: pagelle

GRISSIN BON REGGIO EMILIA

MUSSINI 6,5: è l’ultimo a gettare la spugna, mettendo in campo tanta grinta ma anche personalità. Il fatto che continui a giocare meno minuti di Candi è quantomeno fantasioso.

ALLEN 5,5: la prudenza consiglierebbe di non valutare un giocatore arrivato da 36 ore. Certo è che l’idea di rinforzarsi con un americano tagliato da una diretta concorrente per la salvezza è quantomeno ottimistica. Gioca solo 12 minuti, il tempo per spadellare un 2/7 dal campo e probabilmente per rendersi conto della bella situazione in cui si è cacciato.

CANDI 5: a differenza delle ultime uscite, perlomeno ci prova, anche se i risultati sono grossomodo gli stessi. Deve ancora crescere tanto e la situazione caotica attuale certamente non l’aiuta. Speriamo che l’aria del derby con la Virtus, lo stimoli ulteriormente.

RIVERS 5,5: se è stato preso per fare il Ledo, tanto valeva tenere Ledo. Diversamente, sarà il caso di iniziare a costruire qualcosa di più anche per metterlo nelle migliori condizioni di resa: anche perché spesso si arriva agli ultimi 5 secondi dell’azione e poi dandogli la palla gli si dice pure “adesso te la spocci tu”. Non va bene, per niente.

AGUILAR 4,5: il grande assente della serata, ha un nome ed un cognome: Pablo Aguilar. Dispiace perché ci eravamo abituati bene, mentre stasera, a parte non fare mai canestro (1/9), difende anche veramente poco. Bene solo a rimbalzo con le 12 carambole catturate.

GASPARDO 4,5: dodici minuti del niente più assoluto. Insomma, la solita certezza.

VIGORI N.E. ma siamo veramente sicuri che sia peggio di quelli che giocano?

CERVI 5: sembrava essere partito bene ed invece, alla lunga, risulta impreciso in attacco e surclassato in difesa dall’atletismo di Mosley. Il capitano comunque, in questo sciagurato campionato, è sempre stato uno dei più continui ed un passo a vuoto glielo possiamo concedere.

SOVIERO N.E.

ORTNER 7: tutto d’un tratto, scoperchia con forza il sarcofago dentro il quale era rimasto imprigionato nelle prime uscite in biancorosso, portando alla causa esattamente quello che gli è richiesto: grinta, esperienza e durezza. Aggiunge anche un buon bottino offensivo e questa è una piacevole sorpresa. Peccato che i compagni, a sua differenza, non facciano la propria parte.

LLOMPART 4,5: brutalizzato nel confronto diretto da Chris Wright, continua ad essere, a mio modesto parere, un lusso per questa squadra. In difesa è inesistente, in attacco, quasi. Essere meglio di questo Candi, non vuol dire essere sufficienti. Il fatto che ancora non sia stato messo in discussione, non ha una spiegazione logica.

DE VICO 6: niente di trascendentale, per carità, ma che in una squadra senz’anima come la nostra, uno tutto cuore e palle come lui, impieghi un quarto e mezzo prima di mettere piede in campo, non ha senso. Non a caso, la rimonta del primo tempo avviene anche e soprattutto grazie alla sua energia, che scuote la squadra e sveglia il palazzo.

CAGNARDI 4: la squadra scende in campo in maniera sconcertante, dimostrando passi indietro, anziché avanti. Candi e Llompart, in campo contemporaneamente, non si possono vedere, soprattutto a dispetto di Mussini e De Vico che in questo momento hanno qualcosa in più. Questo è il momento di non guardare in faccia nessuno, di accorciare le rotazioni. Sarebbe ora, già da un po’ per la verità, di vedere qualcosa di più in attacco, dove esattamente non si capisce dove vogliamo andare a parare. Alla prima difficoltà scompariamo dal campo: a metà campionato, non è più una cosa accettabile. Non so come e non so nemmeno da che parte si possa cominciare, ma deve trovare una soluzione.

 

 

ALMA TRIESTE

 

PERIC 7,5: porta a scuola tutti e lo fa senza saltare.

FERNANDEZ 6,5: chirurgico.

WRIGHT 8: quando è ora, la vince da solo, dimostrando, se ce ne fosse bisogno, quale fosse il play da confermare.

STRAUTINS 6: porta energia.

CAVALIERO 6: meno preciso del solito.

DA ROS 5,5: impalpabile.

SANDERS 7: letale.

MOSLEY 7: sa fare solo una cosa e gliela lasciamo fare 7 volte.

KNOX 5: penalizzato dai falli, di fatto non entra mai in partita.

DALMASSON 6,5: dopo 5 sconfitte consecutive in trasferta, per sua fortuna è arrivata la tappa al pala Bigi.