Grissin Bon Reggio Emilia – Happy Casa Brindisi: promossi e bocciati

Grissin Bon Reggio Emilia

MUSSINI Federico – 7: on fire il nostro Federico che, pronti via, scaglia un paio di triple da stropicciarsi gli occhi. Fa sempre la cosa giusta al momento giusto. Nel finale regala un cioccolatino al pubblico del Bigi con un rocambolesco canestro + fallo che spegne definitivamente le speranze avversarie. Avanti così, Fede.
ALLEN Bryon – 7,5: migliore in campo per il suo apporto in termini di punti. La selezione dei tiri è rivedibile, per usare un eufemismo, così come sono da evitare alcune palle perse del tutto evitabili. Ciò premesso, quando la mira lo assiste, è un giocatore che può fare la differenza, come dimostrato ieri sera.
DIXON Micheal – 6,5: ha inserito il pilota automatico. Ordinato, poche sbavature, efficace. Lo avessimo avuto da inizio campionato probabilmente non staremmo lottando per il cucchiaio di legno. Finalmente si vedono assist ai compagni per alley-oop di pregievole fattura.
CANDI Leonardo – 5,5: la concorrenza è decisamente aumentata e il suo minutaggio è crollato drasticamente. Non fa molto per meritarsi più spazio. Presenza piuttosto invisibile nel contesto di una sera complessivamente positiva per la squadra.
AGUILAR Pablo – 6,5: che fosse più pimpante delle ultime uscite lo si capiva sin dal riscaldamento. Sensazioni confermate dal positivo impatto sulla gara già dal primo quarto di gioco. Ci prende dalla lunga distanza e si fa sentire (e molto) vicino al canestro con la sua ingombrante presenza a rimbalzo. Quando è in forma è un giocatore super.
GASPARDO Raphael – 6: con il nuovo allenatore ha un piglio diverso. Evidentemente sente di avere maggiore fiducia e lo dimostra in campo. Un ottimo giocatore per allungare le rotazioni e far rifiatare i compagni.
VIGORI Alessandro – n.e.
JOHNSON-ODOM Darius – 6,5: arrivato da pochi giorni ha voglia di presentarsi al suo nuovo pubblico. Giocatore di un altro livello e si vede. Nonostante la sua gara sia condizionata dai falli (2 fallo commesso troppo presto nel corso del primo tempo del match) dimostra di avere carattere, talento e di poter incidere sulle partite. Ottimo innesto per il finale di stagione.
CERVI Riccardo – 7: quando è in questa versione fa la differenza e non poca. In attacco crea parecchi grattacapi ai suoi diretti avversari ed in difesa è presente. Sta bene fisicamente e si vede.
ORTNER Benjamin – 5,5: che non fosse sempre quello ammirato a Pistoia lo avevamo preventivato…ma qualcosina in più, ieri sera, avrebbe fatto comodo. Energico in difesa, disordinato in attacco.
LLOMPART Pedro – 5,5: si è calato alla perfezione nel suo nuovo ruolo: meno minuti, meno responsabilità. Alterna errori banalotti con alcune (poche) cose discrete. Il tabellino recita zero punti con zero tentativi. Sforna un assit in 10 minuti di gioco. Insomma un po’ pochino.
DE VICO Niccolò – 6: anche per lui 12 minuti di poco. Se non fosse per l’atteggiamento, sempre molto positivo, anche lui faticherebbe ad arrivare alla sufficienza. Sbaglia due tiri aperti che in altri momenti della stagione avrebbe segnato bendato.

All.Pillastrini Stefano – 6: 2 vittorie di fila sono una notizia, una bellissima notizia. Certamente il merito è anche suo. Ha portato tranquillità all’ambiente e senza rivoluzioni copernicane sta facendo il lavoro per il quale è stato chiamato. Fiducia al Pilla.

Happy Casa Brindisi

BANKS Adrian -7,5: spina nel fianco.
RUSH Erik – 6,5: positivo.
GAFFNEY Tony – 5,5: serata no.
ZANELLI Alessandro – 6: sta in campo e non sfigura.
ORLANDINO Gabriele – n.e.
MORASCHINI Riccardo – 5,5: 32 minuti. 2 punti. 1/10 dal campo.
CLARK Wes – 6: anonimo.
CAZZOLATO Nicolò – n.e.
WOJCIECHOWSKI Jakub – 7: super match.
CHAPPELL Jeremy Lamar – 6: se fosse tanto bravo quanto nervoso e polemico sarebbe in NBA.
TADDEO Vincenzo – n.e.
BROWN John – 5: 2/12 è una roba da galera.

All. Vitucci Francesco – 5,5: ha il merito di rimanere attaccato alla partita sino alla fine. Nel primo tempo, sotto di 10, i suoi accorciano sino al – 2 in una manciata di secondi. Idem nel secondo tempo. Ciò detto la sua squadra non è mai stata avanti nel punteggio e la Grissin Bon ha vinto meritatamente.