L’ultimo ballo

(Articolo a cura di Andrea Davoli per Pallaconestro 2.0)
Sin da bambini cresciamo con la consapevolezza che​ ​le favole​ e i sogni​ abbiano sempre il lieto fine.​ ​”E vissero per sempre felici e contenti…”.​ ​Oppure​, per noi basket-maniaci,​ ​sarebbe più corretto dire​: “e​ alla fine​ vinsero lo scudetto…”.

Bello vero? Bellissimo, ma​,​ purtroppo​,​ poi suona la sveglia​ e la favola finisce.​

Oltre al​ c.d. happy ending esiste un secondo ​leitmotive con il quale cresciamo​, quelDavide contro Golia in salsa worcester chiamato “Yes we can“.
​Al di là dell’Oceano sono affezionati a queste storie meravigliose. Il canovaccio è sempre più o meno simile: la storia di un ragazzo​ spesso nerd e bruttino, bulleggiato per anni al liceo. che ottiene la sua rivincita andando al ballo con la morosa del capitano d​ella squadra di basket del college​, oppure la storia di una squadra​ materasso e ultima ruota del carro ​che anni dopo, allenata da una vecchia gloria con problemi di alcolismo, ​riesce a dominare il campionato e ​vincere la partita contro i più forti​ del torneo, sempre in rigorosa maglia nera.

Se rifletto su rimpatriate e sport, non posso che pensare all’Olanda del Mondiale del ’74 della quale mi parlava mio nonno: tre coppe dei Campioni consecutive dell’Ajax, poi Cruyff va al Barcellona, e si scioglie una delle squadre più forti di sempre. Ma ecco l’ultimo ballo degli olandesi, che dominan​o​ il mondiale​ di Germania Ovest​ fino alla finale, giocando un calcio mai visto, definito “totale”.  Solo ​all’ultimo atto​ i tedeschi ​rovinarono loro la festa…

Un ultimo ballo più recente​ -​ e a tutti noi più caro​ – ​ ​lo abbiamo vissuto con l’Italia ai Mondiali​ di calcio​ 2006, sempre in Germania. Non devo raccontare nulla, perch​é​ credo che, come me, sappiate ancora tutte le partite a memoria, con chi eravate, dove eravate​.​
Il calcio italiano era in ginocchio e quello fu l’ultima splendida danza. Tanta sofferenza e unità di intenti per dimostrare che l’Italia c’era ancora. Poi Cannavaro al Real, Zambrotta al Barcellona, Del Piero, Buffon e Camoranesi in Serie B con la Juve.

​A​ fine Agosto ci sarà un’altra rimpatriata​ e chissà che non possa diventare un ultimo ballo a tinte biancorosse reggiano.​ Si chiama Nazionale maschile di Basket.
E ora consentitemi di sognare un attimo.

Aradori dovrebbe essere sicuro della chiamata, è uno dei punti fermi di questa squadra ed è stato il leader offensivo di Reggio quest’anno.
Della Valle lo scorso anno non ha giocato nella “sua” Torino al Preolimpico probabilmente perchè le caratteristiche difensive di Tonut meglio combaciavano con il credo di Messina, ma, dato anche il risultato, quest’anno, fossi nell’allenatore bolognese, io qualcosa cambierei.
Sotto canestro la situazione Bargnani ​si fa sempre più intricata: e allora perchè non un “rim protector” come Riky? Io voto si!
Il reparto meglio fornito è sicuramente quello dei “4”: Gallinari, Melli, Pascolo, nel caso recuperi dall’operazione al menisco, e all’occorrenza Datome. Ma siamo nel mio sogno e quindi il dodicesimo uomo è Polonara.

Eccolo quindi, l’ultimo ballo, prima del “liberi tutti” che darà il via alla prossima stagione, con Achille a Sassari, Aradori forse in Catalogna o nelle grandi metropoli, e Della Valle (magari​….​) al centro del progetto giovani della Reggio dei canestri.
L’ ultimo ballo di una ​”​ex​”​ Reggio Emilia che quest’anno è rimasta un po’ con l’amaro in bocca. Dopo due finali Scudetto la squadra​ – FORSE – ​ con più talento si è arenata ai quarti di finale.
A ​molti ​è​ rimasto il dubbio che non siano state giocate tutte le carte, un po’ come quando al ristorante, finita la cena​,​ sei sazio, però un dolcino lo vuoi e sai che deve essere ottimo per non rovinarti la cena.

Un ultimo ballo tutti insieme dimostrando che ci può essere il lieto fine non solo nelle favole.

Quindi ultima azione: 7 secondi, palla a Pietro, 6, sotto per Riky, 5, 4, ribalta per Ame che tira da 3 a 2 secondi dalla sirena. Secondo ferro, schiacciata al volo di Achille!

Dite che sia impossibile?! Probabile. Ma non svegliatemi!!!

 

(Pallaconestro 2.0 fornisce la possibilità a tifosi e appassionati di dire la loro su vari temi legati alla pallacanestro a Reggio Emilia. Se vuoi inviarci un tuo pezzo o un tuo commento, contatta i profili social di Pallaconestro o scrivi all’email pallaconestroreggio@gmail.com e potresti vederlo pubblicato sul nostro sito).