PREVIEW GRISSIN BON – ORIORA PISTOIA

Poche balle, la partita che ci apprestiamo ad affrontare è da vincere: infatti il nostro prossimo avversario è l’Oriora Pistoia, ultima in classifica.
Al di là della posizione in classifica dei toscani la sfida è da vincere anche per altre ragioni: la prima è interrompere la striscia di due sconfitte, da cui la Grissin Bon proviene; la seconda ragione è che una vittoria ci permetterebbe di tenere a distanza una squadra che, come noi, affronta questa stagione con ambizioni limitate; la terza e più importante ragione è che la partita persa con Avellino nell’ultima giornata ha lasciato l’amaro in bocca a noi tifosi soprattutto per il modo in cui è maturata e contro Pistoia ci aspettiamo una reazione, di tecnica e di orgoglio.

Come detto l’Oriora è il fanalino di coda della classifica con solo due punti, che sono il frutto della vittoria ottenuta nell’ultima giornata di campionato sul campo di Sassari, vittoria che per Pistoia ha significato interrompere la striscia di sei sconfitte consecutive con cui aveva iniziato la stagione. Quella che affronteremo è la peggiore difesa del campionato con una media di 96,3 punti subiti, che però lontano dalle mura amiche arriva a sfiorare i 100. L’attacco invece, è esattamente come la Grissin Bon,(81,1 punti di media) ma Pistoia fuori casa aumenta la sua produzione offensiva rispetto alle partite casalinghe arrivando a 88 punti di media.
Rispetto all’anno scorso Pistoia è stata totalmente rivoluzionata sia nell’organico che per quanto riguarda il coach: infatti a guidare la truppa toscana, al posto di Esposito, è arrivato il toscano Alessandro Ramagli che noi ben conosciamo per aver guidato la Pallacanestro Reggiana nel post Marcelletti.

Lo starting five di Pistoia, è formato da Dominique Johnson, miglior scorer della squadra, Kerron Johnson, che dovrebbe recuperare dall’infortunio alla caviglia, L.J.Peak, Patrik Auda, visto ad Avellino negli scorsi playoff, e Ousman Krubally, il miglior rimbalzista del campionato. La panchina è composta da giocatori italiani con poca esperienza del massimo campionato; tra i più utilizzati ci sono Bolpin e Severini. Pistoia è una squadra dalle rotazioni molto corte, e appunto per questo in settimana la società ha completato il tesseramento di Mickell Gladness, che sarà a disposizione per la partita contro di noi.

Lo scorso anno la vittoria casalinga con Pistoia, oltre ad interrompere una brutta striscia di sconfitte, ha significato dare una svolta alla nostra stagione e noi tifosi vogliamo che anche quest’anno questa partita abbia un significato altrettanto positivo . E poi questa partita la giochiamo il giorno di San Prospero, il nostro patrono, e non sia mai che si faccia qualcosa per far arrabbiare il nostro santo!!
Scherzi a parte la Grissin Bon ha davanti a sé una sfida importante da vincere per far gioire i tifosi, magari facendoci pure dimenticare la partita contro Avellino.
I nuovi arrivati hanno avuto una settimana in più di allenamenti per conoscere meglio la squadra e l’ambiente; anche se l’infermeria ha visto aggiungersi il nome di Elonu, confidiamo che i giocatori metteranno in campo la massima determinazione per onorare al meglio la maglia e portare a casa due punti fondamentali.