Serie A in pillole (21): il review

( a cura di Diennea Settanta)

SERIE A RIEPILOGO GIORNATA 21

Energia Trentino 82 – Openjobmetis Varese 74

Trento vince la quarta in fila mantenendosi in corsa per un posto playoff, mentre per Varese si tratta della seconda sconfitta consecutiva che la mette a sei punti di distanza dall’ultimo posto utile per la post season. Dopo un primo quarto di sostanziale equilibrio la partita viene decisa nella seconda frazione dove i padroni di casa mettono a segno un parziale di 24 a 11 andando al riposo lungo in vantaggio di 10 punti, vantaggio che gestiranno fino alla fine della partita. Per la Dolomiti da segnalare le prestazioni di Gomes, che flirta con la doppia doppia chiudendo con 20 punti e 8 rimbalzi, e di Franke che uscendo dalla panchina mette 13 punti con l’80% dal campo. Per Varese su tutti la prestazione di Cain che finisce con 13 punti e 22 di valutazione.

Banco di Sardegna Sassari 102 – Vanoli Cremona 86

Sassari vince la nona partita casalinga su undici disputate battendo una Vanoli Cremona che lontano da casa incassa invece l’ottava sconfitta su dieci partite. Nel primo quarto le due squadre, entrambe in corsa per un posto ai playoff, restano vicine nel punteggio mentre nel secondo è Sassari che tenta la spallata arrivando al riposo lungo in vantaggio di 10 punti. Nella terza frazione Cremona recupera lo svantaggio pagando però lo sforzo nell’ultimo quarto dove subisce un parziale di 33 a 16 che gira il match verso gli isolani. Per il Banco di Sardegna da segnalare Bostic, Planinic e Polonara sopra i 20 punti con quest’ultimo che chiude con un ottimo 31 di valutazione. Per i cremonesi quattro giocatori in doppia cifra con Portannese e Drake Diener che sono i migliori per valutazione.

Fiat Torino 82 – Umana Reyer Venezia 90

Quinta vittoria consecutiva per la Reyer che mantiene così la testa della classifica in coabitazione con Milano. Per Torino, che nonostante la sconfitta resta in zona playoff, si interrompe la striscia di cinque vittorie consecutive tra campionato e Coppa Italia. Partita che si indirizza da subito a favore di Venezia che, grazie alla difesa, chiude il primo tempo sopra di 17 punti concedendone ai padroni di casa solamente 27. Nel secondo tempo gli ospiti gestiscono il vantaggio permettendo solamente nell’ultimo quarto a Torino di scendere sotto i 10 punti di svantaggio. Tra i singoli da segnalare per l’Auxilium la prestazione di Mbakwe che riempie il suo score con una doppia doppia da 15 punti e 15 rimbalzi, mentre per gli ospiti sono ben sei i giocatori in doppia cifra con Jenkins che risulta il migliore per valutazione.

Segafredo Bologna 67 – EA7 Emporio Armani Milano 73

Milano infila la quarta vittoria consecutiva permettendole di rimanere agganciata alla testa della classifica insieme a Venezia. Bologna porta invece a tre la striscia aperta di sconfitte, scendendo così all’ottavo posto della graduatoria, ultimo spot utile per i playoff. Gli ospiti si dimostrano da subito concentrati a livello difensivo tenendo la Segafredo a 11 punti nel primo quarto ed a 28 complessivi a metà partita dove l’Olimpia chiude in vantaggio di 12 lunghezze. Nel secondo tempo c’è la reazione dei padroni di casa che scendono ad uno svantaggio in singola cifra senza però riuscire a ribaltare le sorti dell’incontro. Per Bologna il migliore in campo è Slaughter che chiude con 17 punti, 7 rimbalzi ed un 25 di valutazione complessiva. Per Milano i migliori per valutazione sono Cinciarini e Tarczewski.

Sidigas Avellino 89 – Happy Casa Brindisi 71

Torna alla vittoria Avellino che fa valere il fattore casa dove in questa stagione ha perso solamente una volta. Brindisi subisce invece la quarta sconfitta consecutiva che la tiene al terz’ultimo posto in classifica con soli due punti di vantaggio sulla coppia di squadre in fondo alla classifica. Gli irpini indirizzano l’incontro dal primo minuto dominando sia in attacco, chiudendo il primo tempo con uno score di 52 punti, sia in difesa dove ne concedono a degli ospiti troppo arrendevoli solamente 29. Nel secondo tempo la Sidigas si limita a gestire il vantaggio incassando così i due punti che le permettono di restare terza in classifica. Per i padroni di casa Wells, Fitipaldo e Rich risultano i migliori per valutazione e sono anche gli unici ad andare in doppia cifra. Tra le fila della Happy Casa la migliore prestazione è quella di Lydeka che finisce l’incontro con 11 punti, 8 rimbalzi e 21 di valutazione.

VL Pesaro 84 – Betaland Capo D’Orlando 81

Serve un tempo supplementare alla VL Pesaro per aggiudicarsi lo scontro salvezza tra le ultime due della classifica. Con questa vittoria i padroni di casa, che restano comunque ultimi per via della differenza canestri con la Betaland, interrompono una striscia di cinque sconfitte contestualmente allungando a dieci la striscia di sconfitte degli ospiti. Dopo un primo quarto equilibrato è Capo d’Orlando a tentare l’allungo nella seconda frazione arrivando al riposo lungo in vantaggio di 14 punti. Nel secondo tempo una Pesaro mai doma riesce a recuperare tutto lo svantaggio agganciando l’overtime dove, dopo una vera e propria battaglia, ottiene vittoria e due punti fondamentali. Tra le fila di Pesaro i migliori sono Mika e Omogbo, entrambi in doppia doppia punti e rimbalzi, mentre per la Betaland il migliore per valutazione è Likhodey.

Red October Cantù 106 – The Flexx Pistoia 85

Nella partita con il punteggio cumulato più alto di giornata, Cantù ottiene l’ennesima vittoria casalinga mantenendosi così in zona playoff. Per Pistoia si tratta invece della decima sconfitta consecutiva lontana dalle mura amiche che la tiene al quart’ultimo posto in classifica a soli quattro punti dall’ultimo spot. La Red October vince la partita grazie all’attacco chiudendo il primo tempo con un bottino di 59 punti ed un vantaggio di 17. Nel terzo quarto Pistoia tenta una reazione soprattutto grazie alla difesa ma senza mai avvicinarsi al punto di impensierire troppo i padroni di casa che gestiscono il vantaggio fino alla fine. Per Cantù addirittura sette i giocatori in doppia cifra con un suntuoso Burns da 17 punti, 15 rimbalzi e 30 di valutazione. Per la The Flexx il migliore per valutazione è Laquintana che, venendo dalla panchina, chiude con un bottino personale di 13 punti con il 75% dal campo.