Serie A in pillole: il review (17)

(a cura di Diennea Settanta)

RIEPILOGO GIORNATA 17 SERIE A

Banco di Sardegna Sassari 92

Fiat Torino 80

Continua la striscia negativa di Torino dall’arrivo del nuovo coach Recalcati e questo nonostante l’Auxilium porti cinque giocatori in doppia cifra. Partita vinta da Sassari a cavallo del secondo e terzo quarto dove piazza un parziale di 48 a 28 senza più voltarsi. Tra i sardi da sottolineare la prestazione di Dyshawn Pierre che si regala una giornata da 27 punti in 39 minuti di gioco con 33 di valutazione. Per Torino invece il migliore in campo per valutazione è Giuseppe Poeta che chiude con 11 punti in 22 minuti tirando con il 60% dal campo.

Sidigas Avellino 95

Germani Brescia 96

Dopo un tempo supplementare cade anche l’ultimo campo ancora imbattuto del nostro campionato, il PalaDelMauro di Avellino. Partita intensa con diversi capovolgimenti di fronte e vantaggi sempre ridotti. Tra gli irpini da evidenziare l’ennesima super prestazione di Jason Rich che chiude con 29 punti in 42 minuti e 34 di valutazione. Per la Germani, che con questa terza vittoria consecutiva torna nuovamente solitaria capofila del campionato, cinque giocatori in doppia cifra tra cui Michele Vitali, il match winner dell’incontro con una tripla scoccata allo scadere del tempo.

Dolomiti Energia Trentino 79

Umana Reyer Venezia 83

Venezia si dimostra ancora una volta la bestia nera di Trento andando a vincere al PalaTrento e allungando a quattro la striscia di sconfitte della squadra di Buscaglia. Con questa vittoria Venezia si mantiene a due punti dalla vetta e lo fa con due bellissime prestazioni di Bramos e Watt che chiudono la loro partita rispettivamente con 28 e 29 di valutazione. Per Trento, che con questa sconfitta si ritrova la zona playoff a quattro punti di distanza, prestazioni sopra la sufficienza per Sutton e Forray entrambi con 20 di valutazione.

Betaland Capo D’Orlando 69

Segafredo Bologna 86

Terza vittoria consecutiva per la Virtus che indirizza il match già nel primo quarto chiudendolo con un vantaggio di 13 punti e mantenendosi a distanza di sicurezza per il resto della partita. Per la Betaland si tratta invece della sesta sconfitta consecutiva in campionato che la precipita al penultimo posto in classifica. Tra i bolognesi cinque giocatori in doppia cifra tra cui Stefano Gentile e Lawson, entrambi dalla panchina. Tra i siciliani l’unico a salvarsi è Voijslav Stojanovic che chiude la sua partita con 24 punti tirando con il 70% dal campo e 28 di valutazione.

Happy Casa Brindisi 88

The Flexx Pistoia 74

Quarta vittoria nelle ultime cinque per Brindisi che con questo risultato mette quattro punti di distanza tra sé ed il fondo della classifica. La squadra di Vitucci la vince al rientro dal riposo lungo mettendo un parziale di 49 a 30 alimentato dalle prestazioni di Moore, che chiude la partita con 21 punti e 25 di valutazione, e di Cady Lalanne con 22 di valutazione. Per Pistoia, che con questa sconfitta resta al terz’ultimo posto in classifica, solo tre giocatori in doppia cifra e nessuno del roster che supera i 15 di valutazione.

Vanoli Cremona 109

Red October Cantù 100

Partita dai ritmi alti in cui a fare la voce grossa sono gli attacchi a discapito della fase difensiva. Vince Cremona che indirizza la sfida già nel primo quarto chiudendo con un vantaggio di sedici punti e mantenendosi sempre a distanza di sicurezza. Nelle fila della Vanoli, che con questa vittoria raggiunge e supera in classifica proprio Cantù, prestazione da incorniciare di Kelvin Martin che chiude con una doppia doppia da 31 punti e 10 rimbalzi ed una valutazione di 33. Per gli ospiti buone prestazioni per Jaime Smith con 22 di valutazione e Charles Thomas che, partendo dalla panchina, finisce la partita con 19 punti e 27 di valutazione.

Openjobmetis Varese 76

EA7 Emporio Armani Milano 72

Varese infila la sua seconda vittoria consecutiva prendendosi, dopo Venezia, un altro scalpo di prestigio. Nella partita con il più basso punteggio cumulato della giornata, la squadra di Caja prende l’inerzia dell’incontro nel secondo quarto giocando con grande applicazione sia in attacco che in difesa. Per Varese, che con questa vittoria si porta a quattro punti dall’ultimo posto, da evidenziare le prestazioni di Cameron Wells che chiude il match con 23 punti con 34 di valutazione e di Avramovic che partendo dalla panchina chiude con 18 punti. Milano invece perde la testa della classifica con prestazioni sotto media di praticamente tutto il roster fatta eccezione per Micov e Gudaitis che raggiungono rispettivamente 18 e 19 di valutazione.