Team Preview 2016/17 – Parte quinta

 

 

 

 

 

 

Pasta Reggia Caserta

 

Formulaimages: 3+4+5

Quintetto: Sosa-Gaddefors-Bostic-Putney-Watt

Panchina: Cinciarini, Giuri, Czyz, Metreveli, Bergantino, Cefarelli

Coach: Dell’Agnello (confermato)

 

La società campana viene da un’estate addirittura più turbolenta rispetto alle ultime; il passaggio di proprietà ha però garantito l’iscrizione al campionato di Serie A. La salvezza conquistata all’ultima giornata nella stagione passata è il punto di partenza da cui coach Dell’Agnello cercherà di ripartire per migliorarsi. Il roster non è lunghissimo e al momento sembra ancora mancare di una guardia, con il giovane americano Bryce Pressey aggregato al roster, e in cerca di un contratto.

Le chiavi del gioco verranno affidate all’esperto Edgar Sosa, di ritorno in Italia dopo una stagione in Iran con una parentesi finale all’Hapoel Gerusalemme; in posizione di guardia al momento dovrebbe partire Gaddefors, uno dei pochi giocatori confermati dalla stagione passata; l’ala piccola della nuova Caserta sarà Joshua Bostic che fa della difesa e del tiro da 3 punti i suoi punti di forza; il colpo dell’estate bianconera potrebbe essere Raphiael Putney, ala grande dotata di un ottimo tiro dall’arco. Nella stagione passata ha giocato in D-league con i Rio Grande Valley Vipers, dove ha segnato 17 punti e 8 rimbalzi di media; in estate si è messo in mostra nella Summer League di Las Vegas con la maglia dei Cleveland Cavs. Il nuovo centro della Juve è Mitchell Watt, ex Alba Berlino, affrontato da Reggio in Eurocup; giocatore molto diverso da Dario Hunt, in quanto meno fisico, ma dai fondamentali certamente più solidi.

In panchina troviamo le altre due conferme cioè Daniele Cinciarini e Marco Giuri, cambi rispettivamente di guardia e play. Olek Czyz, ex Pistoia e Roma, parte dalla panchina ma probabilmemte avrà minuti importanti vista la grande esperienza nel nostro campionato. Dario Cefarelli, cavallo di ritorno dopo varie esperienze in A2, dovrà invece lottare per guadagnare minuti ma chissà che non possa costituire una bella sorpresa per la Juve e per i suoi tifosi. Il cambio di Watt sarà il sette piedi georgiano Nika Metreveli, ma è pronto ad insidiarlo il giovane Tyler Bergantino, rookie uscito da University of Massachusetts ma di chiara origine italiana, ingaggiato con un contratto triennale in estate.

Contro Reggio: 1a giornata (and: CE 02/10/2016  rit: RE 22/01/2017)

 

Manital Torino

Logo_Auxilium_CUS_Torino

Formula:5+5

Quintetto:Wright-Harvey-Washington-Wilson-DJ White

Panchina:Poeta, Alibegovic, Okeke, Fall, Mazzola, Vitale

Coach: Vitucci (confermato)

 

 

L’estate della Mantial vede l’arrivo di nove nuovi giocatori, unica conferma il centro americano DJ White. Coach Frank Vitucci, dopo aver salvato Torino da un prematuro ritorno in A2, quest’anno ha costruito un squadra che sembra avere tutte le carte in regola per lottare per la post-season. Il roster è al completo da diverso tempo e se i rookie non avranno problemi di ambientamento la Manital potrebbe togliersi diverse soddisfazioni durante l’anno; l’unico probabile rischio è la non eccelsa quantità di cm e kg sotto ai tabelloni rispetto agli avversari.

In cabina di regia è stato firmato il play Chris Wright, proveniente da Varese che ha guidato ad un buon finale di stagione; il ruolo di guardia vedrà dividersi i minuti tra l’ex Brescia Mirza Alibegovic (ottima stagione in A2) e Tyler “TJ” Harvey, tiratore con buoni numeri sia in D-League con gli Erie Bayhawks che nella Summer League 2016 giocata con gli Orlando Magic. Per lo spot di ala piccola Torino ha messo a segno il colpo dell’estate ingaggiando Deron Washington, giocatore ormai esperto del nostro campionato ed in grado di garantire punti, rimbalzi, difesa ed assist all’occorrenza; l’ala grande sarà Jamil Wilson, altro rookie proveniente dalla D-League ( Texas Legends); giocatore un po’ undersized per il ruolo, ma che può aiutare ad aprire le difese essendo in grado di segnare anche dalla lunga distanza; come centro il confermatissimo DJ White che avrà il compito di ripetere la stagione passata.

La panchina dell’Auxilium Cus sarà completamente a tinte tricolori: Peppe Poeta con la sua esperienza sarà il backup del playmaker; Valerio Mazzola e l’ex Casale Monferrato Abdel Fall saranno i lunghi in uscita dalla panchina. David Okeke, classe 1998, dovrà guadagnarsi la fiducia di Vitucci per strappare minuti dopo una buona finale nazionale U18. Donato Vitale e Riccardo Crespi completano la panchina piemontese.

Contro Reggio: 12a giornata (and: TO 18/12/2016  rit: RE 15/04/2017)

 

Pallacanestro Cantù

Logo_Pallacanestro_CantuFormula: 3+4+5

Quintetto: Dowdell, Pilepic, Darden, Johnson, Lawal

Panchina: Kariniauskas, Laganà, Travis, Callahan, Quaglia, Parrillo

Coach: Kurtinaitis (nuovo)

 

La Pallacanestro Cantù rivoluziona completamente la squadra partendo dall’ingaggio in panchina del lituano Rimas Kurtinaitis, ex Khimki, non un novellino per intenderci. Del roster della passata stagione vengono confermati Marco Laganà, di ritorno da un brutto infortunio al ginocchio, e JaJuan Johnson. Gli acquisti di alcuni elementi con esperienza nei massimi campionati europei dovrebbero garantire a Cantù la possibilità di entrare ai playoff, e di fare bella figura anche nella FIBA Europe Cup.

Nel ruolo di playmaker è stato messo sotto contratto il giocatore americano Zabian Dowdell, giocatore che ha già disputato per due volte l’Eurolega e che nella stagione passata, allo Zenit di San Pietroburgo, ha messo a referto 10 punti e 5 assist di media in Eurocup. Fran Pilepic, ex Cedevita, ha disputato l’Eurolega nelle ultime 3 stagioni (6.4 punti di media col 48% da 3) e occuperà lo spot di guardia. Tremmel Darden, ultimo acquisto della campagna di mercato canturina, porterà esperienza e qualità al roster, avendo sempre giocato in top club europei, come testimoniano le due partecipazioni alle Final4 di Eurolega con le casacche di Real Madrid ed Olympiacos. Jajuan Johnson è arrivato in corsa nella stagione passata, ma producendo 15 punti ed 8 rimbalzi di media ha dimostrando di poter eccellere nel nostro campionato, sempre che sappia dimostrare anche un minimo di continuità. Il centro titolare è Gani Lawal, giocatore che in Serie A ha vestito le maglie di Roma, Milano e Sassari, lo conosciamo bene: fa dell’atletismo la sua qualità principale, anche se spesso finisce per essere vittima di sé stesso.

In panchina troviamo appunto il paly-guardia classe 1993 Laganà, giocatore di enorme potenziale a cui auguriamo maggiore fortuna per potersi affermare definitivamente ai massimi livelli. Vaidas Kariniauskas è un giocatore lituano della stessa annata formatosi nello Zalgiris Kaunas dove, seppur non da protagonista, ha già vinto a livello nazionale campionato e coppa; ha passato l’ultima stagione in A2 greca al Kymis per poter trovare minuti e continuità. Con la nazionale maggiore ha partecipato a Rio 2016. L’esperto Romeo Travis sarà un ottimo innesto dalla panchina: il 32enne americano di passaporto macedone, ex-compagno di Lebron James all’High School, ha giocato nell’ultima stagione prima a Strasburgo (Eurolega), poi a Le Mans dove ha conquistato la coppa di Francia e raggiunto le semifinali playoff, apportando 12 punti e 7 rimbalzi di media. Craig Callahan e Francesco Quaglia (ex Fortitudo Bologna) completano il roster insieme al “reggiano” Sasà Parrillo, che per noi non ha bisogno di presentazioni.

Contro Reggio: 6a giornata (and: RE 06/11/2016  rit: CTU 05/03/2017)