Wright e Sané per Reggio, ma per Vene lo stop è di tre mesi

Sarà la volta buona? Lo spot di 4 è stato l’incognita del mercato biancorosso della pre-season, quasi una maniacale ricerca del Graal cestistico fra James White, Julian Wright, Siim-Sander Vene e Mike Moser.

Wright, il sogno proibito d’agosto per le sue elevate richieste, cambia oggi completamente volto e prospettive a questa Grissin Bon, che necessita di una nuova linfa formata da un mix di sacrificio, entusiasmo, unità e determinazione, ciò che ha permesso, del resto, a Landing Sané di strappare un trimestrale con Reggio (VIDEO DI PRESENTAZIONE DI SANE’).

<<Sono felice di essere a Reggio. E’ stata un’estate molto lunga, ma lo scorso anno mi ero trovato benissimo.>> esordisce the Beard. <<Voglio portare a questo team la mia leadership. E’ una squadra che ha sia giovani che veterani, ma Amedeo e Riky hanno già esperienza, la chimica è molto buona e c’è grande altruismo. A Trento giocavo da 5 in un sistema particolare: io mi sento un 4 atipico, perciò posso ricoprire più posizioni e giocare anche accanto a Cervi.>>. L’ex Toronto prosegue:<<Sono arrivato a un punto della mia carriera dove preferisco giocare in una squadra con possibilità concrete di vittoria, mentre, in passato, ho sperimentato sistemi dove si giocava solo per le statistiche individuali. La Coppa Italia è sicuramento un obiettivo, ma prima dobbiamo qualificarci…>>.

Uno sguardo va anche alla partecipazione all’EuroCup: <<Il livello si è alzato tantissimo, quasi a formare un’Eurolega B. Dopo l’anno scorso, tutti i tre club italiani penso siano molto motivati a fare una bella figura.>>.

<<Ho voluto accettare questa nuova sfida e sono onorato di essere qui, dunque voglio ringraziare tutti per questa grande opportunità.>> – le prime parole, invece, di Sané – <<Il club è molto organizzato e il gruppo si è dimostrato coeso. Personalmente dovrò lavorare duro in questi tre mesi per conquistarmi la riconferma. Sono un giocatore discreto in difesa, ma mi sento un tiratore.>>.

Chi rimarrà a lungo ai box è invece Vene, che ha rimediato una frattura da stress al calcagno, il cui recupero è stimabile in tre mesi.