X-Files Eurocup: Lietkabelis Panevezys Vol.2

Coach: Vitaliy Cherniy

Quintetto: Lorenzo Williams, Adas Juškevičius, Žanis Peiners, Vaidas Čepukaitis, Kšyštof Lavrinovič.

Panchina: Gary Talton, Gintaras Leonavičius, Simas Jasaitis, Žygimantas Skučas, Darjuš Lavrinovič, Donatas Tarolis, Lukas Aukštikalnis.

Impegno casalingo in questo turno di 7DAYS Eurocup per Reggio, che ospiterà sul parquet di casa il Lietkabelis, reduce dalla sconfitta 87-88 subita sul parquet di casa per mano del Bayern.

I lituani vengono da un periodo a dir poco travagliato: le cinque sconfitte consecutive tra coppa e campionato hanno portato all’esonero di Artūrs Štālbergs e alla promozione ad head coach di Vitaliy Cherniy.

Come se non bastasse, al team baltico erano stati offerti i fratelli minori di Lonzo Ball, LiAngelo e LaMelo, con conseguente arrivo in Lituania del vulcanico papà LaVar, ma coach Štālbergs aveva risposto in maniera ironica su Twitter con un “Cerchiamo gente per la sicurezza”.

Nonostante tutto ciò, Juškevičius e compagni hanno lo stesso record della Grissin Bon, ovvero 3-4; si tratta quindi di una sfida cruciale per entrambe le squadre, soprattutto per i reggiani, che in caso di vittoria potrebbero agganciare il Budućnost, se i montenegrini non dovessero vincere ad Istanbul nella tana del Galatasaray.

La chiave della gara sarà la battaglia sotto canestro, dato che il Lietkabelis è secondo in Eurocup per rimbalzi conquistati (38,3); si prevede dunque una grande sfida tra i gemelli, Kšyštof e Darjuš Lavrinovič, e il nostro Jalen Reynolds: se il nativo di 7th Mile saprà portare la gara sui binari del dinamismo e della velocità, allora Reggio avrà buone possibilità di portare a casa il referto rosa.

Alzeranno la palla a due alle 20.30 i signori: Emilio Pérez Pizarro (Spagna), Renaud Geller (Belgio) e Erşan Kartal (Turchia).

P.S: Se non avete già in mente di farlo di vostra spontanea volontà ve lo chiediamo noi: quando chiameranno i gemelli durante le presentazioni dei roster non smettete di applaudire, perchè è il minimo che due LEGGENDE meritano.

Ačiū dvynys Lavrinovič !!